Policy Privacy

Privacy Policy

Confintesa Palermo e Sicilia

  • La Vostra Fiducia........

  • .......La nostra forza !!!

prev next

Ricerca

Slider - Articoli

Dove Siamo

ASU: ANCORA FUMATA NERA, GOVERNO IN TILT !

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

rosario greco 2Altro nulla di fatto ieri all’Ars in ordine alla vicenda ASU . Uno spettacolo indecoroso e mortificante a cui assistiamo ormai da oltre un mese. Il Governo inevitabilmente sotto tiro e non solo per mano dell’opposizione. Ormai il caos regna sovrano .

Ieri pomeriggio In aula così come in mattinata in Commissione lavoro ci si è chiesto dove siano andati a finire i 5 milioni mancanti dei 10 previsti dall’art. 36 della legge regionale 9/2016 limitatamente all’anno 2021 . Purtroppo nessuna risposta !!!

Ci si chiede perché “cotanta ostinazione” di Musumeci & Company nel non voler utilizzare le risorse già previste dall’articolo 36 ai fini della concessione di  un’integrazione salariale  nelle more che si definiscano i processi di stabilizzazione . Anche qui , silenzio tombale !!!

Ci si chiede come si può pretendere un’interlocuzione con il governo nazionale per superare l’impugnativa del Consiglio dei Ministri dell’articolo 36 se il Governo Regionale dei 54 milioni previsti per il 2022 per garantire i sussidi(39 milioni circa) oltre un ulteriore contributo per  stabilizzazione (15 milioni)  con inverosimile scelleratezza con il disegno di legge 962/A in discussione, prevede un taglio di 28 milioni di euro !!! Una decurtazione che ridurrebbe il “fondo cassa “ degli ASU a circa 26 milioni di euro nemmeno sufficienti a garantire l’erogazione dell’attuale sussidio .

Ricordiamo che  il Consiglio dei Ministri  nell’impugnativa  dell’art. 36  tra gli altri motivi  contesta la  copertura finanziaria di 54.159.248,56 di euro per ciascuno degli esercizi finanziari 2022 e 2023 non ritenendola idonea ai fini di una stabilizzazione e il governo regionale “corre ai ripari”  paradossalmente decurtando oltre la metà delle risorse già previste dall’art. 36  , già  non ritenute sufficienti -come precisato - dal Consiglio dei Ministri .

SIAMO ALLA FOLLIA !!!

Approvare questo disegno di legge o meglio quest’obbrobrio governativo significherebbe decretare la CONDANNA A MORTE DEL POPOLO ASU !!!

Tutte “avvisaglie” che in quest’ultimo scorcio di tempo avevamo ampiamente captato e che  confermano il totale disinteresse di questo governo regionale verso una problematica che invece meriterebbe la massima attenzione e trasparenza.

Certamente, per quanto accaduto ieri pomeriggio in Aula, possiamo affermare senza dubbio alcuno di smentita, che la nostra incisiva azione sindacale di disturbo nei confronti delle false attestazioni di stima dedicate ai lavoratori ASU da tutti i componenti del Governo, e perpetrate nel tempo per il tramite di fantomatiche interlocuzioni con il Governo Centrale, sono state definitivamente smascherate dalla politica stessa, attraverso le accuse ed i pesanti rimbrotti rivolti, trasversalmente, al Governo, sulle nefandezze di che trattasi. E pensare che, da informazioni ed affermazioni di alcuni deputati, sembrerebbe che nella prima mattinata di ieri, in Commissione Lavoro, si sarebbe raggiunto un accordo unanime tra i componenti della stessa, per dare parere positivo al finanziamento dell'integrazione oraria! Ancor di più viene spontaneo sottolineare il comportamento tenuto in Aula da componenti del Governo dei novelli Robin Hood al contrario: togliere ai poveri, ciò che è già di loro acquisizione ex lege, per interessi di parti terze che, volutamente, vengono sottaciuti da chi ne avrebbe il dovere e la competenza di renderli pubblici. Anche queste attività svolte in sordina rappresentano la volontà del Governo, ed anche della Burocrazia interessata alla vicenda, del poco o nullo interesse manifestato nei confronti di questa categoria di lavoratori.

Noi continueremo la nostra battaglia senza esclusione di colpi affinché alla platea ASU nell’immediato venga riconosciuta l’integrazione salariale con quelle stesse risorse che la deputazione regionale il 24 marzo con l’approvazione dell’articolo 36 aveva destinato a questi lavoratori  .

Pretendiamo che  venga fatta chiarezza sui 5 milioni misteriosamente scomparsi  e che tali risorse vengano interamente destinate ai legittimi destinatari ovvero agli ASU ,

Reclamiamo con forza che non vengano decurtate le somme già previste dall’articolo 36 per gli anni 2022 e 2023  e si  avvii un’interlocuzione seria e fattiva con il governo nazionale per superare i rilievi mossi dal Consiglio dei Ministri ai fini del  raggiungimento dell’obiettivo finale che , si ricorda , è la stabilizzazione di questo intero bacino .

Vogliamo sperare tanto che la buona politica(ci auguriamo che ancora esista)  faccia la sua parte , tutelando questi lavoratori derisi e umiliati da troppo tempo

Le Segreterie Regionali


 

on 05 Novembre 2021
Creato: 05 Novembre 2021
Ultima modifica: 05 Novembre 2021
Visite: 224

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Webmaster


WebMaster: Sig. Giovanni Corrao - Contatta il WebMaster


 

Sali Su